Circolo Quarto Stato
Indirizzo: Via Vittorio Veneto 1, 21010 Cardano al campo (VA)
Email: info@circoloquartostato.it
Tel: 349 450 6893
SEGUICI

Facebook stream

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Top
 

UN PEZZO DI STORIA CHE PASSA DA CARDANO | Addio a Gorbaciov

 / Filosofia  / UN PEZZO DI STORIA CHE PASSA DA CARDANO | Addio a Gorbaciov
Articolo di un socio della Casa del Popolo in risposta all'articolo di Roberto Morandi apparso su VareseNews il 31 agosto "Quel giorno dell'89 in cui Gorbaciov si fermò a Gallarate" all'indomani della scomparsa.
2 Set

UN PEZZO DI STORIA CHE PASSA DA CARDANO | Addio a Gorbaciov

Articolo di un socio in risposta al pezzo di Roberto Morandi del 31 agosto, il giorno successivo alla scomparsa di Michail Gorbaciov.

Leggi l’articolo su VareseNews: “Quel giorno dell’89 in cui Gorbachev si fermò a Gallarate“. 

“Non ricordo se il corteo di macchine che scortava Michail Gorbaciov andasse verso Malpensa o venisse dall’aeroporto. Comunque il tuo articolo – vedi link nel sottotitolo – mi ha fatto riaffiorare un episodio che trae appunto origine dal passaggio di Gorbaciov (d’ora in poi G.) lungo la via che porta all’aeroporto di Malpensa e, più precisamente, sulla via Giovanni XXIII a Cardano.

In questa via ha sede tuttora la ditta Galdabini dove in quel periodo lavoravo. L’annunciato passaggio di G. nella mattinata innescò discussioni dapprima tra i lavoratori e poi nel consiglio di fabbrica. Chi proponeva un’ora di fermo di tutta l’azienda, chi invece sosteneva la sua indifferenza al passaggio del premier russo. Alla fine si raggiunse un accordo con la direzione: chi avesse avuto intenzione di assistere al passaggio di G. avrebbe potuto prendere un’ora di permesso.

Al passaggio di G. e della moglie Raissa Gorbaciova si assieparono naturalmente ai cancelli della ditta non solo chi aveva chiesto il permesso ma buona parte delle maestranze. Non solo per vedere queste immense macchine nere e un corteo di autorità e forze dell’ordine, ma anche per rendere omaggio, credo, a una persona che stava tentando di dare una svolta di pace, disarmo e di progresso all’Unione Sovietica e al mondo tutto. Al brevissimo passaggio davanti ai cancelli della fabbrica i lavoratori risposero: chi con un applauso, chi sventolando delle improbabili bandiere rosse.

Mi ricordo che non vi furono i soliti e ripetuti litigi verbali tra i lavoratori di opposte fazioni politiche pronti alla continua polemica, solo qualche commento “peccato che non si sia fermato a salutarci“ oppure dagli irriducibili polemici “va dagli industriali a Milano e non si ferma dagli operai“.

Comunque sia, in quella giorno e in quella via, era passata un pezzo di storia.

Articolo di un socio della Casa del Popolo in risposta all'articolo di Roberto Morandi apparso su VareseNews il 31 agosto "Quel giorno dell'89 in cui Gorbaciov si fermò a Gallarate" all'indomani della scomparsa.

La ZIL di Gorbaciov nel passaggio davanti alla Galdabini di Cardano al Campo (dic. 1989, foto di Walter Colombo)

Il ringraziamento per il lavoratori

Questi commenti fecero venire un’idea a un gruppetto di giovani goliardici lavoratori. Considerato che la nostra ditta lavorava anche per l’Unione Sovietica avevamo a disposizione della carta prestampata con diciture in cirillico che potevano ricondursi, almeno a occhi inesperti, a qualche ministero russo. Dopo qualche giorno dal passaggio facemmo scrivere una lettera in lingua russa con relativa traduzione in italiano. In quella missiva il compagno Gorbaciov ringraziava le maestranze della ditta Galdabini per il tributo recatogli e si rammaricava di non avere avuto il tempo di fermarsi per un saluto.

Senza farci notare esponemmo la lettera nella bacheca delle comunicazioni aziendali e sindacali. I lavoratori all’uscita del lavoro per recarsi a timbrare restarono al momento meravigliati. Chiaramente, in seguito, si capì che la lettera non fosse veritiera e cosi ci furono dei sorrisi e qualche battuta.

Una lettera quantomai falsa ma avevamo forse ben interpretato, nella nostra goliardia, un sentimento e un atteggiamento di un uomo di buona volontà.”     

_______________________
Articolo di Enrico Federico Franzioni,
socio della Casa del Popolo e membro del CdA

Share
No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Call Now Button

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l’utilizzo dei cookie su questo sito. Scopri di più

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostate per "permettere i cookie" ed offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile.
Per maggiori informazioni puoi leggere la nostra Privacy Policy.
Se continui a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "OK, Accetto!", darai il tuo consenso.

Chiudi